L'India (senza gli inglesi)

autore: Pierre Loti pagine: 256 anno: 1992 editore: EDT

Infaticabile viaggiatore per dovere e per passione, Pierre Loti Ŕ stato un autore altrettanto infaticabile di racconti di viaggio, finora ingiustamente penalizzati dalle rare traduzioni italiane. Questo suo diario indiano del 1903 lo colloca a pieno titolo nella grande stagione tardoromantica, tanto sensibile al fascino di un paese idolatrato come la culla della pi¨ remota civiltÓ. L'India descritta da Loti Ŕ un paese di infiniti contrasti. ╚ l'India dei templi fiabeschi e dei palazzi sontuosi dei raja, ma anche l'India che agonizza per fame. Terra di morte e di rovine, corrosa dal tempo (ma non dalle passioni politiche: il titolo Ŕ una promessa, non vi sono accenni, nel libro, al colonialismo britannico), eppure terra di eterno incanto. Un paese in cui, tuttavia, Loti sa anche tratteggiare un'immagine straordinariamente vicina alla nostra sensibilitÓ contemporanea: l'India come mŔta di un pellegrinaggio mistico, come rifugio per le anime inquiete in cerca di un "altrove" lontano dagli pseudovalori della civiltÓ occidentale.

Torna al diario