Da Ankara a Goreme

1. Stazione ferroviaria di Ankara
Creato il: 10/12/2010
Data Da: 30/12/2008
Data A: 30/12/2008
Pubblicato: Si
Licenza: No
Nazioni: Turkey
Località principale: ankara
Parole chiave: pullman, otogar

 

Il treno arriva ad Ankara con dieci minuti di ritardo. Il viaggio è stato comodissimo. E' nevicato tutta la notte e il paesaggio è tutto imbiancato. Prendiamo subito due taxi (6 lire a taxi) per andare a visitare il Museo delle Civiltà  anatoliche situato nella parte alta della città , all'interno di un vecchio mercato coperto restaurato (ingresso: 15 lire). I reperti sono bellissimi, soprattutto quelli relativi alle civiltà  prehittite con stupendi bronzi a forma di cervidi e altri animali, e gli idoli delle dee madri. Ankara è bruttissima, ma il museo vale la sosta.

Fa freddo anche se il cielo è sereno; prendiamo subito un altro taxi per andare a riprendere i bagagli nei mobiletti deposito della stazione e poi raggiungere l'otogar, ovvero il terminal dei pulmann, immenso, con decine di compagnie di pullman che collegano la capitale con innumerevoli città  della Turchia. Noi andiamo subito allo sportello 50, dove la compagnia Nevsehir vende i biglietti per Goreme (125 lire in cinque). Abbiamo due ore di tempo prima della partenza e ne approfittiamo per mangiare un doner kebab nel ristorante del terminal.

All'una in punta il bus parte, quasi pieno, per lo più di locali. Le donne hanno tutte il capo coperto, Il servizio è ottimo e comprende te o caffè, acqua, un dolcetto, salviette profumate per sciacquarsi le mani, una breve sosta in una stazione di servizio.

Il sole splende e il viaggio è piacevole. Per un lungo tratto si costeggia il Tuz Golu, grande lago salato, dove ovviamente ci sono molte saline.

Arrivati a Nevsehir, cambiamo pullman, dopo aver atteso una mezz'oretta nell'ufficio della compagnia di trasporti, con un ragazzo che cercava di venderci un tour per il giorno dopo e un giro in mongolfiera alle sei di mattina.

Raggiungiamo Goreme in una trentina di minuti e l'autista gentilmente ci porta fino all'Hotel Kelebek, dove alloggiamo. E' un albergo molto carino con stanze ricavate nei camini delle fate o nelle antiche case padronali.

Siamo stanchi e decidiamo di cenare in albergo. Discreto.

 

 

Immagini associate

1. Stazione ferroviaria di Ankara
2. Ankara. Museo delle Civiltà anatoliche
2. Ankara. Museo delle Civiltà anatoliche
2. Ankara. Museo delle Civiltà anatoliche
2. Ankara. Museo delle Civiltà anatoliche
2. Ankara. Museo delle Civiltà anatoliche
2. Ankara. Museo delle Civiltà anatoliche
2. Ankara. Museo delle Civiltà anatoliche
2. Ankara. Museo delle Civiltà anatoliche
3. Ankara. Stazione di pulman
3. Ankara. Stazione di pulman
3. Ankara. Stazione di pulman
3. Ankara. Stazione di pulman
3. Ankara. Stazione di pulman
3. Ankara. Stazione di pulman
3. Ankara. Stazione di pulman
3. Ankara. Stazione di pulman
3. Ankara. Stazione di pulman
3. Ankara. Stazione di pulman
3. Ankara. Stazione di pulman
4. On the road verso la Cappadocia. Lago salato

Memo Associati

accomodation

Kelebek Hotel di Ali Yavuz
www.kelebekhotel.com
ali@kelebekhotel.com
Tel. 90 (0) 384 271 2531
50180 G0reme, Cappadocia

Albergo molto carino con stanze ricavate nei camini delle fate o nelle antiche case padronali, ottima colazione in terrazza coperta, stanze in stile, hammam, servizio ottimo